BACKSTAGE – Repubblica.it – La Repubblica



<p>Simone Marchetti Il successo e l’influenza della multi-piattaforma editoriale Business of Fashion sono ormai un dato di fatto per il settore moda. Il sito fondato da Imran Amed, ex consulente McKinsey&Company poi blogger e infine ceo e direttore di Bof, si è oggi ritagliato anche un altro posto d’onore grazie alla sua iniziativa Voices, arrivata quest’anno a un maturità tale da competere con le conferenze organizzate dai grandi gruppi editoriali internazionali sui temi legati al fashion system contemporaneo. L’appuntamento nella campagna inglese vicino a Oxford, previsto per fine novembre, è ormai un convegno da mettere in calendario tra le cose da non mancare. Non solo per la qualità e la peculiarità dei relatori provenienti dai casi più interessanti nel fashion panorama di oggi. Ma soprattutto per le intelligenze coinvolte che con la moda non ha nulla a che fare. Forse è questa l’intuizione migliore: radunare pensatori di diversi settori in grado di generare stimoli. Perché soprattutto di stimoli esterni la moda si nutre. Le tematiche affrontate sono molteplici e alcune davvero interessanti. In primo luogo, occorre segnarsi il nome di Doug Stephens non a caso definito il guru del retail: il suo libro e la sua visione sulla fine della vendita di prodotti e l’inizio del commercio delle esperienze sono un ottimo vademecum per tutti i proprietari di boutique o grandi mall sparsi nel mondo. Da tenere sotto controllo, poi, lo sviluppo di Zoa, un bio-tessuto identico alla pelle animale e creato da Modern Meadow che abbatte tutti i processi produttivi del classico pellame, azzerando l’inquinamento e riducendo drasticamente tempi e costi di produzione. Zoa, poi, si presenta anche in forma liquida così da fornire la possibilità di essere trattato in innumerevoli declinazioni tessili. C’è la questione, poi, della moltiplicazione dei generi che non va certo scambiata per il genderless ma per la nuova richiesta di unicità e autenticità fuori dagli schemi tradizionali. A riguardo, va studiato a fondo il caso di Beautycon, marchio di prodotti di bellezza che ha molto da insegnare ai brand di moda. </p>




こんな記事もよく読まれています



コメントを残す